Associazione di Protezione Civile "Città di Suzzara" onlus

Viale Luigi Cadorna 2/A 46029 Suzzara MN Tel./Fax.0376-523039 Tel. H24 335-6192179 E-mail info@procivilesuzzara.it

Una scelta consapevole: diventa anche tu Volontario…

aspiranti1

Suzzara – L’incarico che vi offriamo vale il vostro tempo e le vostre energie. Vi offriamo l’opportunità di impegnarvi con noi per mettere a frutto le vostre capacità e per contribuire ad una efficace opera di soccorso in caso di emergenza.
Professionali, rapidi e organizzati. Ecco gli aspetti che caratterizzano sempre di più l’opera del volontariato di protezione civile, riconosciuto come struttura operativa in grado di affiancare i corpi specialistici dispiegati nelle emergenze.

Leggi Tutto

Piena del Po 2016

Martedi 29 Novembre 2016 ore 13.30

All'idrometro di Borgoforte alle ore 13.00 il livello del Fiume era di 6.11 con quote in forte calo. Visto l'andamento, l'U.C.L. (Unità di Crisi Locale) ha decretato la cessazione della fase di allarme ed il ripristino dell'accesso all'argine. 

Protezione Civile "Città di Suzzara"

———————————————————————————————-

Martedì 29 Novembre 2016 ore 12,30

Il colmo di piena del Po è transitato a Boretto nel corso della mattinata di ieri (28/11) con livello di m, 6,33 sullo zero idrometrico (oltre la soglia 2 – moderata criticità-colore arancione, che inizia a m.5,50), a Borgoforte nella serata di ieri con m. 6,76 s.z.i. (oltre la soglia 2, che inizia a m.6,00)

L’onda di piena si propagherà nei rami del Delta con livelli di moderata criticità.

Proseguono da parte del personale AIPo i monitoraggi e le verifiche necessarie sulle arginature e opere idrauliche; tutte le operazioni sono condotte in stretto coordinamento con il sistema di protezione civile nazionale, regionale e locale.

Fonte:  AIPO (Agenzia Interregionale per il fiume Po)

(leggi l'articolo completo sul sito istituzionale AIPO alla voce NEWS)

Aspettando la prova di soccorso “FENICE 2016″

I VOLONTARI DELLA PROTEZIONE CIVILE SISTEMANO IL PARCO

Suzzara – Nella settimana che precede la prova di soccorso di Sabato 21 Maggio, i volontari dell’associazione addetti alla logistica, effettueranno nel Parco della Scienza e della Tecnica  diversi interventi di manutenzione ordinaria e pulizia oltre alla completa tinteggiatura della cabina ENEL posta nelle immediate vicinanze del Parco, nell’area destinata all’ ammassamento dei volontari.

Leggi Tutto

Incontri informativi “A0″: un modo per conoscere la Protezione Civile

pubblico

La nostra associazione promuove la cultura della protezione civile, della prevenzione in genere e dell’autoprotezione, offrendo al territorio dei diversi Comuni convenzionati l’opportunità di seguire un percorso formativo che permetta a chi interessato di formarsi in materia di protezione civile e sui meccanismi di funzionamento, attivazione e operatività del sistema di protezione civile.

Leggi Tutto

Ricordi ….

amarcord 2_0 jpgQuello che pubblichiamo in questo nuovo appuntamento con il nostro personale "amarcord" di vita associativa, è un articolo della "Gazzetta di Mantova" che ci riguarda, datato Venerdi 9 Novembre 2001 e che rappresenta una delle prime testimonianze pubbliche della nostra presenza e attività sul territorio. 

In quel periodo è ancora molto viva nei cittadini Suzzaresi (molti dei quali entreranno a far parte della associazione) l'esperienza a volte drammatica degli eventi legati alla eccezzionale piena del Fiume Po nell'anno 2000.

Il 2001 rappresenta in un certo senso l'anno della rinascita della associazione ed è tanto il lavoro, la fatica, la passione, che molti di noi investiranno nel cercare di dare alla  comunità Suzzarese un gruppo che possa essere organizzato e preparato ad affrontare le situazioni di calamità e non solo. 

Rileggere questo articolo a distanza di cosi tanto tempo, alla luce dei risultati ottenuti, è come attraversare  un ponte tra passato e presente e stimola in tutti i volontari che hanno creduto negli stessi obbiettivi  un rinnovato impegno nelle attività che caratterizzano il nostro operato.

A presto…

leggi l' Articolo della Gazzetta di Mantova 9 Novembre 2001